Le Portail (chenin blanc) 2004, Champalou, Vouvray

Didier e Catherine Champalou discendono da famiglie di vigneron ed in poco tempo – dalla seconda metà degli anni ’80 – hanno saputo affermarsi tra i migliori produttori della zona. A differenza di quello di Huet, di cui ho parlato qui, questo vino fa dell’opulenza e della grassezza una sua caratteristica, senza dimenticare, ovviamente, il classico finale acido-sapido che appartiene agli chenin blanc di questa denominazione. Da terreni argillosi e dopo un passaggio in vecchie botti, questo vino si è presentato di color oro carico brillante e intenso di riflessi scintillanti. Al naso, che definirei “cicciuto”, tanta materia in primo piano, frutta di ananas, ma anche note di frutta secca e sfumature minerali. Al palato la beva è appagante, piena, grande volume nel centro bocca, ma buona verticalità, minerale chiude molto lungo su una scia sapida. Brioso. Salsa.

posted by Mauro Erro @ 12:38,

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home






Pubblicità su questo sito