Playlist



Barbera d’Alba Morassina 2014, Giuseppe Cortese **** 
A bottiglia coperta, alla prima snasata, dopo un veloce assaggio, diresti un piccolo Barbaresco per quella sua austera ed elegante compostezza e maturità, per lo speziato scuro e per il tannino. Poi scopri che è barbera e solo con l'ossigenazione trovi la violetta e accennate note linfatiche. Bocca compatta, tannino che frena sul finale. Circa 15 € in enoteca.

Verdicchio dei Castelli di Jesi Podium 2013, Garofoli **** 
Ricco, opulento, potente, lineare e fedele, abbastanza ampio e un po’ scolastico. In bocca rotondo, grasso, compatto, leggera derapata alcolica sul finale ammandoralato. Circa 15 € in enoteca.

Fiano di Avellino 2005, Marsella **** 
Citazionismi: incrocia il grasso e il calore mediterraneo del Palette bianco di Chateau Simone, le erbe, il cedro, e il meglio dell’ossidazione nobile di un bianco di Lopez de Heredia, le note di frutta secca: vini che fanno legno tra l’altro, come diresti di questo, anche se fa acciaio. Bocca saporita e reattiva grazie all'apporto sapido. Prezzo n.d.

Barbera d’Alba 2014 Diego Morra *** 
A bottiglia coperta diresti Beaujolais e invece e un'invitante e sbarazzina barbera: more, viola, balsami, qualche suggestione vegetale. Bocca sgusciante, innervata di energia acido/salina, chiusura pulita e senza ostacoli. Circa 12 euro in enoteca.

Givry Champ Pourot 2014, Ragot **** 
Giovane e ancor stretto nel bouquet, uno Chardonnay lineare e compatto, con la nota minerale in evidenza, poi agrumi ed erbe. Palato di bella energia, di opportuno sapore, di media stoffa e di bella pulizia. Buono adesso, meglio tra un annetto. Circa 20 € in enoteca.

Verduno Pelaverga 2015, Comm. G.B. Burlotto *** 
Etereo, linfatico e floreale con una nota di viola in evidenza. Giovanissimo e di bocca immediata e semplice, corposa ma di discreta reattività, cordiale e caloroso abbraccio sul finale. Il meglio sulla tavola. Circa 12 € in enoteca.

Savennières Coulée de Serrant 2008, Nicolas Joly **** 
Maturo ed etereo: fico, prugna, note erbacee e terrose, qualche refolo balsamico e minerale. Alla bocca più potente che articolato, trainato dall’afflato alcolico che lo copre sul finale. Circa 70 € in enoteca.

Fiano di Avellino 2012, Di Prisco **** 
Ricco ma vivace, miele e polline, agrumi ed erbe, mineralità iodata. Bocca ricca, piena, non del tutto distesa e articolata, ma con un finale potente e lungo. Circa 18 € in enoteca.

Chianti Classico Vigneto Montecasi 2006, Castello di San Donato in Perano ***** 
Bella progressione fruttata, ciliegia, marasca, amarena, poi il lato speziato, appena accennata la nota di goudron, ed infine le erbe. Palato elegantissimo, disteso, saporito, con un tannino molto fine a dare il contrasto finale. Circa 25 € in enoteca.

Greco di Tufo 2009, Cantine dell’Angelo **** 
Il tempo lo ha reso più sfumato e meno graffiante con la sua tipica mineralità sulfurea che fa da contorno alla frutta gialla, a un soffuso intreccio di erbe. Al palato ha succo, ma soprattutto energia sapida, che marca il finale accompagnando le note di agrumi. Circa 25 € in enoteca.

Château Musar bianco 1995, Gaston Hochar ***** 
Dattero, frutta secca, e poi via alle erbe e i balsami, le note orientali e quelle più dolci, poi tabacco, un repertorio ampio e cangiante. Bocca integra e felpata, con bel succo e una chiusura coerente, lunga e articolata. Circa 75 € in enoteca.

posted by Mauro Erro @ 10:58,

1 Comments:

At 20 marzo 2017 15:35, Anonymous Enodron said...

Grazie per la lista, magari aver la possibilità di provare tutte queste primizie :)

 

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home






Pubblicità su questo sito