Fiano di Avellino 2003, Colli di Lapìo


Inaspettato
sale compatto e solare,
balzi eterei
soffia cera d’api
resine e balsami e
ti arresta
nelle sue sospensioni terragne.
Un sorso carnale
traccia un’orma
profonda di sale.

(da Scrivilo a parole tue: bevi e versi)

posted by Mauro Erro @ 12:03,

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home






Pubblicità su questo sito