Quando il macerato stanca


Ultimamente ho come l’impressione che i bianchi macerati, gli orange wine, più che uno stile o una moda stiano diventando una vera e propria tipologia commerciale e basta. Che ci sia sempre più la tendenza delle aziende a produrlo ed inserirlo nel loro listino, indipendentemente dal vitigno o dalla zona. Un po’ come accade/va con spumanti e vini dolci: che poi alla fine, in linea di massima, quelli realmente buoni sono sempre gli stessi, da quei vitigni e da quelle zone vocate. 

So che c’era un tempo in campagna in cui il contadino per sé e per i suoi cari si arrangiava alla meglio, per cui il vino gli veniva colfondo, spumantino, filtrato, ossidato, macerato, a seconda di annate, caso, adattamento e vediamo come viene
Ma un tempo si usavano pure le carrozze. 

Apprezzo il produttore che vuole cimentarsi in un nuovo stile a lui sconosciuto, provando e sperimentando per arricchire il suo bagaglio di conoscenze e di esperienza. 
Apprezzo meno che per il suo esperimento, mal riuscito, debba pagare io. 

E se a me, che lo faccio per lavoro, è richiesto spirito di sacrificio, ciò non vale per tutti gli altri consumatori. Che alla fin fine si allontanano da questo stile perdendosi quel che vale la pena assaggiare e bere.

posted by Mauro Erro @ 10:57,

1 Comments:

At 25 gennaio 2016 00:06, Anonymous Anonimo said...

Sante parole!
Giancarlo

 

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home






Pubblicità su questo sito