Enogea Sociale

Una delle novità accadutemi tra la fine dell’anno scorso e l’inizio di questo 2012 è l’approdo a casa Enogea, la bella rivista edita e diretta da Alessandro Masnaghetti, coadiuvato dalle belle penne di Francesco Falcone e Giampaolo Gravina. Nella speranza che i Maya abbiano toppato e io possa godere di questa esperienza per più di un anno, volevo avvisare i lettori del viandante, che sempre fedeli ci seguono, che Enogea ha aperto una sua pagina Facebook (e twitter). Pagina adoperata per stare più vicino ai propri lettori (e non) ed utilizzata come se fosse un blog con continui aggiornamenti ed approfondimenti per tenersi compagnia. Per cui se avete un account facebook e non l’avete già fatto, vi consiglio di cliccare qui e seguirci.

Nel frattempo, per dare un’idea sommaria, ripropongo un mio scritto pubblicato sulla suddetta pagina.
A presto, qui o lì.

Il 1961 non iniziò proprio bene. Il 3 gennaio l’allora presidente Eisenhower annunciò la rottura delle relazioni diplomatiche tra gli Stati Uniti d’America e Cuba, prologo dell’invasione tentata dagli esuli cubani addestrati dalla Cia e respinta da Castro il 17 aprile alla Baia dei Porci. Invasione autorizzata da John Kennedy che, un mese prima, aveva prestato giuramento divenendo il 35esimo presidente della nazione americana.
Giusto sei giorni prima, a New York, sul palco del Folk City aveva debuttato Bob Dylan e tre mesi dopo, il 2 agosto, nello storico Cavern Club di Liverpool, i Beatles si esibiscono nel loro primo concerto.
Sempre ad aprile in Italia viene emesso il Gronchi Rosa per omaggiare il Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi. Il francobollo diverrà il più raro e ricercato dai collezionisti.
A Santa Monica nello stesso mese il comico Bob Hope tiene a battesimo la 33esima edizione degli Oscar. Billy Wider - con L’appartamento - si aggiudica la statuetta per la migliore regia e il miglior film. Peter Ustinov la statuetta per l’interpretazione in Spartacus come migliore attore non protagonista. L’Italia concorre con Kapò di Gillo Pontecorvo, ma vince Ingmar Bergman con La Fontana della Vergine. Migliore colonna sonora a Colazione da Tiffany di Blake Edwards musicata dall’italoamericano Henry Mancini: l’autore di Moon River compose, tra le altre, anche la musica de La Pantera Rosa.
A maggio, dopo una lettera appello pubblicata sulla rivista britannica The Observer per la liberazione di due prigionieri arrestati a Lisbona dalla dittatura di Antonio Salazar, nasce Amnesty International e inizia il 12esimo campionato di Formula Uno. La stagione sarà contrassegnata dal duello interno alla Ferrari tra Phil Hill e Wolfgang von Trips, conclusosi tragicamente al Gran Premio d'Italia con la morte del pilota tedesco e di 13 spettatori in seguito ad un incidente. Un mese prima era iniziata la 13esima stagione del motomondiale. Sarà vinta dallo zimbabwese Gary Hocking in sella ad un’italianissima Mv Agusta.
Al Festival di Sanremo vince Emilio Pericoli con Al di là, ma è l’anno di Celentano con 24mila baci. E Mina canta Le mille bolle blu.
Il Giro d’Italia, la Corsa Rosa, sarà appannaggio di Arnaldo Pambianco su Jacques Anquetil che si rifarà, però, al Tour de France precedendo l’italiano Guido Carlesi. Il campionato di calcio sarà contraddistinto dalla furiosa lotta tra Inter e Juve. La spunterà quest’ultima grazie alla sconfitta dell’Inter a Catania per due a zero, da cui la locuzione Clamoroso al Cibali. Fu l’anno della celebre protesta del presidentissimo Angelo Moratti che nell’incontro di recupero con la Juve ordinerà a Herrera di schierare la squadra primavera. Il tabellino segnerà 9 a 1. Sei goal del Pallone d’Oro Omar Sivori. L’unico gol dell’Inter segnato su rigore da un diciottenne Sandro Mazzola.
L’Italia era in pieno boom economico, la popolazione superò i 50 milioni di abitanti e il reddito pro capite annuo raggiunse le quattrocentomila lire. Presidente del Consiglio è Amintore Fanfani e Palazzo Chigi diviene sede del Governo Italiano. Yuri Gagarin il primo uomo nello spazio. Berlino fu divisa da un muro.
A luglio, uno dei più grandi scrittori del novecento, Ernest Hemingway, si spara un colpo di fucile in bocca. A dicembre gli Stati Uniti intervengono per la prima volta nella guerra in Vietnam.
In quello stesso mese di dicembre, un piccolo editore di Roma, Canesi, pubblica Vini d’Italia di Luigi Veronelli. A pagina 83 è riportato un virgolettato di Paolo Mantegazza: “Il buon Barolo può mettersi nella prima fila dell’aristocrazia vinosa, io gli darei il primato su tutti i vini piemontesi se non glielo contrastasse aspramente il Gattinara. Possono trattarsi entrambi da buon amici perché nessuno dei due è secondo all’altro”.
A Barolo, quell’anno, quell’annata, una delle più grandi di sempre, nella cantina Borgogno Giacomo e Figli, si produceva uno dei vini più buoni che io abbia mai avuto la fortuna di assaggiare e che ricordo sempre con grande affetto. Venne commercializzato in champagnotta da 72 cl. al prezzo di 1.700 lire.

posted by Mauro Erro @ 11:05,

1 Comments:

At 26 gennaio 2012 22:51, Blogger Gabriele Micozzi said...

Abbiamo sviluppato la prima
ricerca in Italia sul mondo dei WINE BLOGGER.
Cosa pensano i Blogger?
Quali sono i loro vini preferiti?
Cosa pensano delle guide?
Che suggerimenti danno alle aziende?

Per poter accedere all'intervista ed essere poi riportati in una pubblicazione i blogger possono cliccare qui...
Anche qui tra tutti i blogger che risponderanno daremo in omaggio 10 casse di vino.
Il link dell'intervista è :

https://docs.google.com/spreadsheet/viewform?hl=en_US&formkey=dE45cWtla1NBQ25FYmZiU1R2NFY3aWc6MQ#gid=0

GRAZIE A TUTTI I BLOGGER PER LA PREZIOSA OPERA DI DIFFUSIONE DELLA CULTURA DEL VINO...MI AIUTATE AMICI BLOGGER A DIFFONDERE IL QUESTIONARIO NELL'INTERESSE DI TUTTI NOI SOPRATTUTTO PER METTERE INSIEME LE VOCI DI TUTTI E VALORIZZARLE NEL MONDO DEL VINO?

GABRIELE MICOZZI
DOCENTE MARKETING UNIVERSITA' POLITECNICA DELLE MARCHE

http://officinamarketing.blogspot.com/2012/01/ricerca-wine-blogger.html#!/

 

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home






Pubblicità su questo sito