La Cantinella sul Mare, Villamare,Vibonati, Salerno

Proposte: a la carte, 45 € vini esclusi

Plus: accoglienza da Guinness dei primati

Abbiamo bevuto: due proposte al calice, Fiano Minutolo Rampone, I Pastini; Fiano di produzione propria.

La squisitezza e il garbo di Mario Riccardi, padrone di casa, è cosa pressoché rara al giorno d’oggi: una volta arrivati a destinazione l’asticella del buon umore si alza prima ancora di sedersi a tavola. Il bel viaggetto da fare per raggiungere Villamare, piccolo borgo di pescatori oggi meta turistica, è notevole, ma piacevolissimo. Villamare è una piccola frazione di Vibonati, vicino alla più conosciuta Sapri, ultimo comune della provincia di Salerno, nel cuore dell’ampio Golfo di Policastro. Lo si può raggiungere percorrendo la Salerno - Reggio Calabria (sì, ovvio, quella Salerno - Reggio Calabria), ma nonostante i sempiterni lavori in corso il paesaggio che accompagna il viaggio è meraviglioso. Arriviamo quindi alla Cantinella sul Mare: il ristorante nato nel 2006 si trova sul lungomare della piccola frazione marina, Mario ci accoglie e ci fa accomodare in uno dei bei tavolini dell’unica sala. L’ambiente è carino, sobrio e arredato con gusto, solo trenta coperti e nessuno spazio esterno, ma sembra ugualmente di mangiare sul mare, si respira la sua aria e ci si può beare del suo blu infinito: dalla porta d’ingresso è, infatti, a un tiro di schioppo.
La cucina della Cantinella, regno dello chef Nando Melileo, presente dall’apertura del ristorante, è una buona combinazione di sapori: il pesce ne è protagonista assoluto, abilmente manipolato e arricchito delle più classiche prelibatezze del territorio, senza rinunciare ad estrose, ma azzeccatissime, “intrusioni”. Si comincia con i pani, casereccio, al rosmarino, alle olive, al pomodorino e origano, alla ‘nduja calabrese, tanto gustosi che bisogna fare attenzione a non mangiarli tutti prima dell’antipasto. Tra gli antipasti non rinunciate assolutamente al piatto cult del ristorante, ossia il cappuccino di “mare”, davvero interessante: vi arriverà un bicchierino di seppioline al nero ricoperte da una delicata crema di patate di cava calcarea (coltivate proprio in una cava a Casalbuono) e arricchite da una spolverata di uova di Mujol (caviale di merluzzo); ottima la tortiera di alici con mousse di fior di ricotta al crunch croccante di carbone vegetale su letto di pomodoro San Marzano.

Tortiera di alici

Le alici per la copertura, rigorosamente crude e accompagnate da un boccone di mozzarella di bufala campana, sfortunatamente per noi quel giorno non erano di Menaica a causa del cattivo tempo, perché alla Cantinella l’offerta di pesce dipende dalla giornata (bonus) e non si scherza! Meno entusiasmanti i due primi piatti: buoni i lucanelli di semola di grano duro con code di gambero rosso del golfo alla maggiorana e pomodorino passato su salsa di melanzane viola affumicata; poco convincenti le piccole perline (gnocchi) di patate di cava con seppie, vongole, zucchine e pistilli di zafferano, purtroppo lo zafferano ha coperto troppo gli altri elementi del piatto squilibrando leggermente l’insieme. I secondi cambiano sempre, non sono segnalati in carta proprio perché l'offerta dipende dal pescato del giorno (ma sarebbe più corretto indicare i prezzi). La fortuna ha voluto che potessi gustare un ottimo tonno rosso, crudo, appoggiato su sottili fette di papaia e mousse di mango con gocce di marmellata di ciliegie, aromatizzato al sale nero: buono, buono, buono! Tra i dolci, infine, la creme brulèe agli agrumi con buccia di limone caramellato e poi passato nel cioccolato. Buono anche il caffè mentre la carta dei vini non ha particolari sussulti: una quarantina di etichette con i soliti percorsi (Banfi, Frescobaldi, Montevetrano ecc. ecc.).

Adele Chiagano

LA CANTINELLA SUL MARE
C.so Italia, 129 - fraz. Villamare, Vibonati (SA)
Tel. + 39 0973 365442

Carte di credito: tutte
Orari: chiuso lunedì, in estate sempre aperto; ferie variabili
Come arrivare: Lasciare la Salerno-Reggio Calabria all’uscita Padula-Buonabitacolo. Proseguire in direzione Sapri-Policastro. Al termine della superstrada, girare a sinistra verso Sapri ed entrare, dopo qualche chilometro, a Villammare.
ah

posted by Mauro Erro @ 11:43,

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home






Pubblicità su questo sito