Borgogna alla volè (tris)

Borgogna: di spalle, Giancarlo Marino (foto di Giampiero Pulcini)

Bourgogne 2007 Domaine Robert Chevillon @@@
Rubino cupo. Il naso è un cuneo: stretto, restio, si nasconde in fondo ad un buio budello. Terroso, attraversato da sentori di gas, anice, un certo tocco ferroso e metallico. Palato essenziale, rustico, che cerca la tavola. Nel finale si scompone leggermente coperto dal vapore alcolico di ritorno.

Bourgogne 2007 Domaine Mugneret Gibourg
@@@/@
Tanto difficile da reperire e acquistare che quasi passa la voglia di raccontarlo. Causa un senso di frustrazione che, finita la bottiglia, pervade e aumenta in maniera inversamente proporzionale alla persistenza del sapore – gaio – che s’affievolisce. Insistente una vocina fa: ancora, ancora.
Naso voluttuoso e turgido in continuo divenire. Frutta, spezie, rimandi floreali, foglioline di menta, un accenno di china in lontananza. Bocca densa, succosa, appagante.

Nuits Saint Georges Vieilles Vignes 2007 Domaine Robert Chevillon
@@@/@
Rubino rarefatto, il più scarico tra tutti. Naso essenziale, scarnificato ma dettagliato e minuzioso di carne alla brace, di ferro e spezie, di leggeri tocchi floreali, di una netta quanto affascinante nota balsamica che illumina il quadro olfattivo dal tratto maschio. Palato dritto, di giusto succo: il migliore nel servire umilmente e dignitosamente il cibo.

Vosne-Romanée 2007 Domaine Mugneret Gibourg
@@@@
Rubino di bella densità. Naso materico, sofferto ed ancora leggermente compresso; a tratti lascia intravedere – lascivio – note di lampone, echi di spezie orientali, note di buccia d’arancio amaro. Bocca erotica. Larga, lunga, ancora nervosa, ma di sicuro avvenire.

Grand Cru Echezeaux 2007 Domaine Mugneret Gibourg @@@@@
Impressiona la precisione dettagliata, seppur ancora giovane, del quadro aromatico. Suadente, esprime note di viola, lavanda e glicine, frutta, spezie orientali, cannella, bastoncino di liquirizia. Palato che abbina succo, leggiadria, elasticità. Tanto appagante e godurioso nella capacità d’imporsi al palato, quanto lungo nella persistenza finale e “lento” nel rilascio delle sensazioni retro nasali.
a

posted by Mauro Erro @ 10:51,

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home






Pubblicità su questo sito