Pausa caffè: Contrasti

La gente ha bisogno di cose facili.
Dolci e melliflue.
Molli, semplici, facilmente capibili.
Dei contrasti ha paura.
Pensa Napoli.
O Caravaggio.
O la Calabria.
Le ‘ndrine e il mare.
Però in Calabria non c’è solo il mare, ma meravigliose montagne e vallate, gole e dirupi. In Calabria le vacche fanno la transumanza e i formaggi stagionati sono buonissimi.
La Sila e l’Orsomarso, il Pollino e l’Aspromonte.
Ed è bellisima la Calabria.
E il Moscato di Saracena la descrive, nei toni bruschi e ossidati, severi, terrosi e metallici. Nella lussuria della dolcezza, nel bagliore mediterraneo di frutta secca e datteri, miele ed erbe aromatiche. Nella lunghezza aromatica di questo calice, ancor denso al palato nel suo incedere e acido, quanto basta, per pulire il palato e dimenticare la stupidità.
Nostra.

Biagio Diana
Moscato Passito di Saracena 2007
cl. 0,50 - € 25


in foto: Moscato passito di Saracena degli anni '80

posted by Mauro Erro @ 08:21,

1 Comments:

At 14 agosto 2010 10:28, Anonymous Anonimo said...

Per chi ha voglia, in Calabria, consiglio anche di inebriarsi di un Greco di Bianco, che è ritenuto il vino più antico d'Italia, accompagnato da un pasticcino alle mandorle.

 

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home






Pubblicità su questo sito