Pausa caffè: Vini qualunquisti

"Qualunquista. A me. Ti rendi conto?
E non è tanto il termine in sé, quanto il tono dispregiativo della voce. Qualunquista mi ha detto!
Ma perché che hai contro l’uomo qualunque? Quello che si sveglia al mattino presto, si spezza la schiena per otto, dieci, dodici ore, non per gloria o che, ma per sorridere ai suoi figli.
Quando li ha, e non è un vecchio come me.
E poi, solo il fatto di dirlo, a quel modo, presume che tu non ti senta un uomo qualunque.
Ma perché chi cazzo sei? Che hai tu di speciale, gli stavo per dire.
Capisci, questo è uno dei più grossi problemi, c’è sempre qualcuno che si sente qualcosa più di te, speciale, per cui questa sua presunta superiorità lo autorizza a trattarti in quel modo, da nullità, a mettertelo nel culo se occorre. Anzi, a mettertelo comunque, tanto è un gioco per loro.
Noi siamo poco più o poco meno di pecore per gli uomini speciali."
L’auto si fermò.
"No, non ho voglia di tornare in quel cesso di ospizio", mi disse.
Mi girai verso il tassista e gli chiesi di fare un altro giro dell’isolato.

Vadiaperti
Coda di Volpe (Irpina) 2009
€ 8/10

in foto: Ines di
Paola Angelotti

posted by Mauro Erro @ 15:19,

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home






Pubblicità su questo sito