Brunello di Montalcino 2001, Mastrojanni

Può essere la semplicità, l'immediatezza, la bevibilità estrema un limite? Assolutamente no! Sopratutto quando accompagnata dall'eleganza, dalla complessità sussurata che nel tempo si dispiega aprendo orizzonti olfattivi e gustativi ampi ed affascinanti. Il frutto croccante primeggia esprimendosi nettamente ed immediatamente su sentori di ciliegia e piccoli frutti rossi, poi pian piano, goudron leggero, pepe nero e spezie, aroma d'erbe, note di tabacco e sentori di sottobosco che al palato vengono accompagnate da un bella mineralità, una sontuosa acidità, un tannino presente, asciugante, ma carezzevole allo stesso tempo. Già godurioso e godibile, durerà ancor a lungo. Chiaro di Luna.

posted by Mauro Erro @ 11:19,

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home






Pubblicità su questo sito